SINDACATO ITALIANO APPARTENENTI ALLA POLIZIA - IL SINDACARO DEI POLIZIOTTI

Ultime Notizie
12 aprile 2019 | Convenzioni, Ultima ora

Assistenza Fiscale CAF CIA – INAC PATRONATO

La Segreteria Provinciale S.I.A.P. di Bari al fine di soddisfare le esigenze dei suoi iscritti e dei propri familiari, ha predisposto il servizio di consulenza gratuita (...)

  Scritto da admbari   |     Hits: 47

 (...) per adempimenti fiscali relativi all’anno 2018 e la relativa delega (parte integrante del presente documento) da sottoscrivere per la verifica della posizione contributiva INPS ex INPDAP (VERIFICA DEI CONTRIBUTI VERSATI AI FINI PENSIONISTICI).
Da oggi per gli iscritti S.I.A.P. Segreteria Provinciale Bari è disponibile la nuova Applicazione Caf Cia utile al contatto continuo con il Caf per: ricevere aggiornamenti e notifiche sulla rendicontazione fiscale; ricevere notifiche e per inviare documenti.

L’applicazione CAF CIA è disponibile su APP STORE E PLAY STORE

 Cosa portare per la compilazione del 730/2019


• Documento d’identità in corso di validità del dichiarante e del coniuge in caso di dichiarazione congiunta.
• Eventuale indirizzo di posta elettronica.
• Numero di telefono cellulare.
• Dati del sostituto d’imposta (datore di lavoro o ente pensionistico) se diverso da quello indicato nel CU.
• Modello CU 2019 redditi 2018.(datore di lavoro, CASSA EDILE, etc.)
• Modello CU 2019 redditi 2018 ed eventuali altri redditi percepiti dal coniuge e dei familiari fiscalmente a carico.
ATTENZIONE LE CU INPS E INAIL NON VERRANNO INVIATE AL DOMICILIO E POSSONO ESSERE RILASCIATI DAL NOSTRO CAF
• Importo pensione estera 2018.
• Atti notarili di eventuali terreni e fabbricati acquistati, ereditati, venduti o donati nel corso del 2018.
• Visura catastale degli immobili che hanno ottenuto una nuova rendita catastale.
• Contratti di affitto per gli immobili concessi in locazione e per gli immobili concessi in locazione con applicazione della “cedolare secca”: dati catastali dell’immobile, contratto di locazione, modello 69 o Siria, raccomandata di comunicazione all’inquilino, eventuali Modelli F24 degli acconti versati.
• Modello ex RAD relativo a dividendi azionari.
• Certificazione dei compensi per prestazioni occasionali, diritti d’autore o provvigioni etc.
• Deleghe di acconti di imposta versati autonomamente nel 2018 (deleghe di pagamento Modello F24).

• Eccedenza acconto Irpef compensata nel Modello F24.
• Ogni altra documentazione attestante la percezione di redditi nel 2018.


Inoltre, i nuovi iscritti devono presentare


• Dichiarazione dei redditi dell’anno precedente (Modello 730/2018 o Modello UNICO 2018).
• Tessera sanitaria del dichiarante, del coniuge e dei familiari fiscalmente a carico.
• Visura catastale degli immobili posseduti.
• Contratto di mutuo e rogito notarile relativi all’acquisto dell’immobile di residenza.
• Documentazione spese ristrutturazioni edilizie o risparmio energetico detratte negli anni precedenti.


Documenti per detrarre o dedurre le spese


• Visite mediche specialistiche o generiche: fattura rilasciata dal medico.
• Analisi, indagini radioscopiche, ricerche: fattura rilasciata dal centro sanitario.
• Spese dentali: fattura rilasciata dal medico, dall’odontoiatra o dall’odontotecnico.
• Apparecchi acustici: fattura o scontrino parlante del negozio.
• Acquisto o affitto di dispositivi medici con marcatura CE: fattura o scontrino parlante della sanitaria o della farmacia.
• Occhiali da vista, lenti a contatto: fattura o scontrino parlante (con codice fiscale dell’acquirente e descrizione del bene) dell’ottico optometrista oppure fattura o scontrino parlante del negozio.
• Degenze ospedaliere: fattura rilasciata dall’ospedale o dalla casa di cura.
• Retta della casa di riposo: dichiarazione rilasciata dalla casa di riposo dove sia separatamente indicato l’importo relativo all’assistenza medico-infermieristica rispetto all’importo relativo al vitto.

• Riabilitazione, ginnastica, massaggi: fattura rilasciata dal centro sanitario accompagnata dalla prescrizione medica.
• Cure termali: ricevuta del ticket se rese nell’ambito del SSN oppure fattura della struttura termale accompagnata dalla prescrizione medica.
• Prestazioni effettuate presso il SSN: ricevuta del ticket versato.
• Medicinali: scontrini parlanti della farmacia (scontrini con codice fiscale, codice alfanumerico identificativo della qualità del farmaco, natura e quantità).
• Certificati medici per qualsiasi uso: fattura rilasciata dal medico.
• Spese di assistenza specifica: fattura rilasciata dall’infermiere o dallo specialista in riabilitazione o da altro operatore specializzato riconosciuto accompagnata dalla prescrizione medica.
• Spese per l’assistenza ai portatori di handicap: fattura della spesa e certificazione relativa al riconoscimento dell’handicap.
• Spese per l’acquisto di autoveicoli adattati: fattura della concessionaria e certificazione relativa
al riconoscimento dell’handicap.
• Spese per gli addetti all’assistenza personale (badanti): ricevuta rilasciata dall’addetto all’assistenza e certificazione attestante la non autosufficienza della persona assistita.
• Spese mediche effettuate all’estero: la stessa documentazione richiesta per l’analoga spesa effettuata in Italia oltre ad una traduzione semplice dei documenti se questi sono redatti in inglese, francese, tedesco o spagnolo, una traduzione giurata se sono redatti in altre lingue.
• Interessi passivi per mutui ipotecari: contratto di mutuo, contratto di acquisto del fabbricato, ricevuta della banca relativa alle rate pagate nel 2018, fattura del notaio relativa all’atto di mutuo.
• Contributi previdenziali: ricevute dei versamenti contributivi, compreso il versamento INAIL pagato dalle casalinghe.
• Premi di assicurazioni vita e infortuni: ricevuta del pagamento del premio versato, contratto di assicurazione.

• Spese per abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico: titolo di viaggio con indicazione del soggetto che emette il titolo, caratteristiche del trasporto, ammontare del corrispettivo, numero progressivo e data di emissione.
• Spesa per studenti con disturbi specifici dell’apprendimento: fattura o scontrino fiscale parlante nel quale oltre all’ammontare di spesa sono riportati il codice fiscale del soggetto affetto da DSA e la natura del prodotto acquistato, certificato rilasciato dal SSN, specialisti o strutture accreditate attestante la diagnosi di DSA.
• Spesa per pratica sportiva ragazzi (palestra, piscina, ecc.): fattura, ricevuta o quietanza pagamento.
• Spese scolastiche: ricevuta di versamento per l’iscrizione a scuola dell’infanzia, del primo ciclo d’istruzione, scuola secondaria di secondo grado e Università pubbliche e private.
• Spese per la frequenza di asili nido: ricevuta di versamento della retta di frequenza dell’asilo nido.
• Canone di locazione degli studenti universitari fuori sede: contratto di affitto e ricevuta dell’avvenuto pagamento, autocertificazione dello studente e relativo documento di riconoscimento.
• Spese funebri: fatture per spese riconducibili al funerale.
• Compenso intermediari immobiliari: fattura attestante la spesa.
• Erogazioni liberali a favore di ONLUS e Associazioni Sportive: ricevuta rilasciata dall’Associazione nella quale risulti anche la modalità di versamento utilizzata. Sono da escludere i versamenti delle quote associative e quelli effettuati come pagamento di servizi resi.
• Spese veterinarie: fattura rilasciata dal veterinario e scontrini farmaceutici relativi a medicinali specifici.
• Erogazioni liberali a Istituti Scolastici: ricevuta del versamento rilasciata dall’Istituto nella quale risulti la modalità di versamento utilizzata.
• Contributi versati per le collaboratrici domestiche: ricevuta del bollettino postale, per la quota di competenza del datore di lavoro.

• Contributi a favore di istituzioni religiose: ricevute di versamento agli Istituti Centrali delle Chiese riconosciute. Non sono deducibili i versamenti effettuati direttamente alle parrocchie.
• Versamenti a fondi pensione: ricevuta del pagamento effettuato, contratto stipulato.
• Contributi a paesi in via di sviluppo: ricevuta di versamento alle Organizzazioni Non Governative riconosciute.
• Consorzi di bonifica: ricevuta che attesti il versamento effettuato, cartella esattoriale/MAV di riferimento.
• Spese per interventi di recupero edilizio (41% o 36% o 50%): eventuale comunicazione al Centro Operativo di Pescara, ricevuta della relativa raccomandata, fatture pagate nel 2018 e relativi bonifici bancari o postali, ricevuta invio documentazione Enea per interventi che
comportano risparmio energetico e /o l’utilizzo delle fonti rinnovabili.
• Spese per arredo immobili ristrutturati: fatture e relativi bonifici bancari o postali., ricevuta invio documentazione Enea per acquisto di grandi elettrodomestici.
• Spese risparmio energetico (55% o 65%) : ricevuta dell’invio ella documentazione all’Enea, fatture pagate nel 2018, relativi bonifici bancari o postali e altra documentazione secondo la tipologia di spesa.
• Assegno periodico corrisposto al coniuge separato: sentenza di separazione o divorzio, codice fiscale coniuge separato, bonifici o ricevute rilasciate dal soggetto che percepisce la somma. Non è deducibile la quota versata a favore dei figli.
• DETRAIBILITA’ CANONE DI LOCAZIONE: contratto stipulato ai sensi della legge 431/98, autocertificazione di residenza.


Si informano anticipatamente i Sigg.ri Iscritti che tale beneficio verrà sospeso per cessazione delega sindacale.


#noisiap !
 

Galleria Immagini

Scarica le risorse allegate

Pubblicato venerdì 12 aprile 2019 alle ore 22:31.
Ultima modifica venerdì 12 aprile 2019 alle ore 22:32.